Recensione: Raven Boys

qÈ la vigilia di San Marco, la notte in cui le anime dei futuri morti si mostrano alle veggenti di Henrietta, Virginia. Blue, nata e cresciuta in una famiglia di sensitive, vede per la prima volta uno spirito e capisce che la profezia sta per compiersi: è lui il ragazzo di cui s’innamorerà e che è destinata a uccidere. Il suo nome è Gansey ed è uno dei ricchi studenti della Aglionby, prestigiosa scuola privata di Henrietta i cui studenti sono conosciuti come Raven Boys, i Ragazzi Corvo, per via dello stemma della scuola, e noti per essere portatori di guai. Blue si è sempre tenuta alla larga da loro, ma quando Gansey si presenta alla sua porta in cerca di aiuto, pur riconoscendolo come il ragazzo del destino non può voltargli le spalle. Insieme ad alcuni compagni, Gansey è da molto tempo sulle tracce della salma di Glendower, mitico re gallese il cui corpo è stato trafugato oltreoceano secoli prima e sepolto lungo la “linea di prateria” che attraversa Henrietta. La missione di Gansey non riguarda solo un’antica leggenda, ma è misteriosamente legata alla sua stessa vita. Blue decide di aiutare Gansey nella sua ricerca, lasciandosi coinvolgere in un’avventura che la porterà molto più lontano del previsto.

 

Immaginate di crescere in mezzo a delle sensitive.

Immaginate di essere l’unica della famiglia priva della Vista.

Immaginate di crescere sapendo che il vostro bacio potrebbe uccidere chiunque lo riceva.

Blue, la protagonista vive in questa situazione.

La vigilia di San Marco accompagna una amica “sensitiva” della madre per vedere gli spiriti di tutti coloro che sarebbero morti nel giro del prossimo anno.

Blue non può vedere gli spiriti ma le si palesa davanti il fantasma di un ragazzo.

Com’è possibile? Blue scopre dall’amica che lo vede o perché sarà lei ad ucciderlo oppure perché se ne innamorerà..

Oppure entrambi..

Blue conoscerà questo ragazzo, Gansey, pochi giorni dopo, insieme a tutti i suoi amici, tutti Raven Boys, ovvero i ragazzi che frequentano la super esclusiva scuola privata della città.

the_raven_boys_by_azeher-d8kbnqy
Per trovare questa fan art per voi ho dovuto nuotare in un mare di spoiler tentando di non leggere nulla di troppo 😛

Non vi dirò altro sulla trama perché già quella che vi ho pubblicato sopra è già abbastanza spoilerosa!

E, a dirvi tutta la verità, non posso nemmeno parlarvi dei personaggi, perché rimangono abbastanza “avvolti nel mistero” fino a proprio la fine!

C’è Blue, che ha questa profezia che le pesa sulle spalle, Gansey che è ossessionato da Glendover e vuole trovarlo a tutti i costi, Adam che ha grossi problemi economici e familiari, Ronan che ha perso il padre da poco e Noah il più misterioso del gruppo..

Per quanto l’inizio faccia presagire l’ennesima saga fantasy dove il romance rende superficiale tutta la parte “sovrannaturale”, con Raven Boys non è così!

Anzi, un pizzico di romance in più mi avrebbe fatto solo che piacere ma da pochi inevitabili sporadici – e per fortuna innocui – spoiler ho capito che nei prossimi libri il romance non mancherà pur mantenendo la storia fantasy come fulcro di tutto.

Un fantasy molto originale, non avevo mai letto nulla del genere prima d’ora, con bei personaggi, una sana bromance, un personaggio femminile forte e con voglia di indipendenza e un “cattivo” umano ma tormentato dal passato.

Come unico difetto potrei dirvi che inizialmente è un po’ – tanto – lento, la vicenda vera e proprio inizia poco prima di metà libro ma una volta letto l’inizio non potrete più metterlo raven-boys-ladri-di-sognigiù!

Inutile dire che lo stile di scrittura è lineare ma non banale e sa come coinvolgere il lettore rendendo la lettura scorrevolissima.

Raven Boys è il primo di quattro libri quindi la buona notizia è che potrò leggere ancora di Blue, Gensey, Adam, Ronan e Noah – che credo sia il mio personaggio preferito -!

Il seguito, che devo ancora leggere – e lo farò presto – si chiama Raven Boys – ladri di sogni ed è uscito tradotto un paio d’anni fa’.. Purtroppo non posso dirvi lo stesso dei due seguiti che, per ora, non sono stati tradotti..

Il mio voto è 4 pan di stelle con la certezza che quando recensirò il seguito diventeranno 5!

 

Annunci

Un commento Aggiungi il tuo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...