Recensione: The Invasion of the Tearling 

9788863553628.main_Nell’avvincente sequel di The Queen of the Tearling, il regno del Mortmesne della sanguinaria Regina Rossa muoverà guerra contro il Tearling, invadendone le terre con gravi conseguenze per Kelsea Glynn e il suo reame. Giorno dopo giorno, la giovane regina, eroina di questa formidabile saga, sentirà crescere la responsabilità di dover proteggere il suo amato popolo e per far questo conoscerà il dolore e il sacrificio.
Kelsea Glynn è una regina giusta, che si è battuta con coraggio, riuscendo a fermare il traffico di schiavi che ogni mese il Tearling tributava al vicino regno del Mortmesne, per mantenere la pace. Ma, così facendo, ha sfidato la Regina Rossa, una donna spietata i cui poteri derivano da una magia oscura e terribile e che ora ha inviato il proprio orrido esercito nelle terre di Kelsea, seminando il terrore: niente sembra riuscire a fermare l’avanzata delle sue truppe formidabili e impavide.
Ma mano a mano che l’esercito Mort si avvicina, Kelsea riesce a stabilire una connessione con un passato lontano e in quel tempo sembra trovare una possibile quanto pericolosa alleata: una donna di nome Lily che combatte per la sua stessa vita in un mondo nel quale essere donna somiglia molto all’essersi macchiati di un crimine. Il destino del Tearling e quello di Kelsea paiono inscindibilmente legati a quello di Lily ma il tempo sta per scadere e la giovane regina del Tearling potrebbe morire prima di scoprirlo.

In questo straordinario secondo capitolo della sua trilogia, Erika Johansen riporta sulle pagine i meravigliosi personaggi di The Queen of the Tearling – Mazza Chiodata, la Regina Rossa e Fetch – aggiungendo nuove e incredibili figure, e consegnando ai lettori un sequel mozzafiato, intriso di magia, amore e mistero che pioveranno come una tempesta di spade sulle spalle della sua indimenticabile eroina. Riuscirà Kelsea Glynn a salvare il suo regno prima che sia troppo tardi?

Certe volte può capitare di aspettare per un anno il seguito di un libro per poi rimanere delusi..

Non è stato questo il caso. The Invasion of the Tearling sorprendentemente mi è piaciuto forse più del primo!

Ma partiamo con ordine..

Prima di tutto vorrei dire due parole sull’edizione e sulla casa editrice.

Questo libro dal punto di vista estetico è un capolavoro.

La carta è spessa, sembra quasi pergamena e l’irregolarità del taglio rende il libro davvero particolare. Le illustrazioni sono splendide e rendono la lettura più piacevole.

Ovviamente questo comporta un costo leggermente più alto (19€ circa.. Io l’ho pagato 16 con lo sconto da Feltrinelli mostrando il badge universitario) ma ne vale assolutamente la pena.

La rilegatura è in filo (non a colla) e la copertina rigida è splendida.

L’aspetto esteriore di questo libro mi ha fatto capire che è stato progettato per veri amanti dei libri da persone che li amano altrettanto. Di questa casa editrice ho letto solamente i due libri della Johnson ma non posso che dire bene del loro lavoro.

rory_nothingsmellslikethat

Passando alla trama..

Il libro riprende da poco dopo la fine del primo, Kelsea è regina e ha detto definitivamente addio al traffico di esseri umani. Questo ha portato alla guerra con il Morsmorte, governato dalla perfida Regina Rossa.

Kelsea dovrà quindi affrontare l’avanzata dell’esercito Mors, problemi interni con la Chiesa di Dio, strane visioni del passato ma anche cambiamenti personali.

La Regina del Tearling scoprirà, infatti, che il potere degli zaffiri è maggiore di quanto credeva.

Il personaggio di Kelsea evolverà ancora, dovrà affrontare l’avanzata dell’esercito Mors ma anche i problemi di una qualunque ragazza della sua età.

Quello che mi piace di questo personaggio è appunto la sua complessità: Kelsea vuole a tutti i costi essere diversa da sua madre, la bellissima regina Elyssa ma al tempo stesso vorrebbe essere più bella, più attraente e si sente in colpa per questo.

Vorrebbe essere più forte ma anche lei ha le sue debolezze.

Non è perfetta, ha i suoi momenti di rabbia che fa fatica a controllare, vorrebbe essere una reggente migliore..

Ma ciò che mi ha più stupito è la trasformazione della storia, da “semplice” romanzo fantasy/distopico prende una piega più profonda e complessa anche tramite le vicende di Lily, una donna che viveva nel mondo precedente al “Passaggio”.

Le sue vicende diventano una aspra critica al sistema Capitalistico che mi hanno piacevolmente stupito.

Più aspra diventa anche la critica verso il mondo ecclesiastico più intransigente, la figura negativa del nuovo Santo Padre, omofobo e cattolico intransigente, si contrappone a quella positiva di Padre Tyler che pur mantenendo la sua fede ha una visione molto più aperta.

Ma non ho intenzione di spoilerarvi troppo!

Il mio voto quindi è 5 pan di stelle, meritatissime per trama e aspetto dell’edizione!

Pan_di_stellePan_di_stellePan_di_stellePan_di_stellePan_di_stelle

 

Annunci

4 commenti Aggiungi il tuo

  1. Ella di Libri e librai ha detto:

    Non vedo l’ ora di leggerlo con un po’ di tranquillità, e una delle mie prossime letture!
    Complimenti per la recensione!
    Ella

    Liked by 1 persona

    1. Grazie! Il libro è davvero meraviglioso, spero che avrai presto il tempo di leggerlo!

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...